29/08/10

Abano Terme: il fango termale è miracolo di natura e benessere

Fangobalneoterapia ad Abano Terme
Abano Terme è unica al mondo. Ciò che la rende inarrivabile per tutte le altre località termali italiane e straniere, più ancora della qualità dei suoi hotel, della bellezza del territorio dei Colli Euganei che la circondano, della rilassata ma vivace vita cittadina è l’ineguagliabile dono di una natura benigna che solo qui trova le condizioni per realizzare un suo gioiello: il fango termale.
Uniche, per efficacia nei confronti di alcune patologie, sono le cure fango balneoterapiche che con esso si praticano ad Abano Terme. Vale allora la pena conoscere di più di questo piccolo-grande miracolo naturale.
  
Perche' il fango termale fa bene
In generale la fango-balneoterapia è un potente stimolo che induce nell'organismo una reazione globale. In sostanza agisce come riflesso-terapia e incide positivamente sul metabolismo. In particolare, riguardo all'artrosi, si sta verificando scientificamente il ruolo delle microalghe presenti nel fango maturo. I ceppi algali sembra producano uan serie di composti che hanno proprietò antiflogistiche. Il calore ha una notevole importanza nel mediare queste sostanze nell'organismo.

Il ciclo di fangoterapia perfetto
Il protocollo prevede una sequenza di 12 fanghi, a frequenza quotidiana, ciascuno della durata di 20-25 minuti a temperatura di 39-40 gradi, seguiti da bagni in acqua termale di 13-15 minuti. DUrata e temperatura sono in ogni modo sempre a discrezione del medico termalista che valuta caso per caso.

Il fango termale fa bene a...
In generale la fango-balneoterapia è efficace contro le patologie dell'apparato osteo-articolare: quelle delle articolazioni, dei muscoli, delle ossa. E' una terapia completamente naturale, meno costosa dei trattamenti farmacologici, di cui non ha l econtroindicazioni. I farmaci leniscono il sintomo doloroso, la fango-balneoterapia rallenta il processo di degenerazione cellulare. E' pure indicata contro i reumatismi di tipo dismetabolico, artrite reumatoide in fase di quiescenza, gotta, miopatie, contratture muscolari, tendiniti e infine contro l'osteoporosi. Utile sapere che l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) inserisce la medicina termale nella medicina tradizionale.

Quasi quasi mi faccio un fango
Assolutamente NO! Non ci si "autoprescrive" un ciclo di fango-balneoterapia. In tutti i casi il soggetto si deve sottoporre ad na visita medica di idoneita' che viene effettuata all'interno di tutti gli alberghi-stabilimento termale di Abano Terme.

E' meglio che io non faccia il fango
In generale la fango-balneoterapia e' sconsigliata a chi soffre di gravi patologie dell'apparato cardiovascolare, soprattutto se recenti. E' controindicata anche per gli stati infiammatori acuti. In ogni caso la valutazione dele essere fatta caso per caso dal medico. Solo a lui spetta decidere sse ammettere un ospite affetto da insufficienza venosa, glaucoma, ipertrofia prostatica, malattie metaboliche scompensate e, in questi casi, graduare i trattamenti.